L’intervista – Oggi con Egzon « The Fighting Engineer » Maliqaj

«Zurück

14.12.2020 12:43 Uhr
Jack Schmidli (Traduzione: Franca Roncoroni)

Egzon Maliqaj non si adatta al cliché del pugile grossolano e stupido allo stesso tempo. Il Gebenstorfer, nato in Kosovo, è più un atleta calmo e premuroso che pensa prima di parlare. Il suo nome da battaglia, "The Fighting Engineer", non è casuale. Il quadruplo campione svizzero amatoriale è un ingegnere meccanico qualificato e lavora a tempo pieno. Lo sportivo ha risposto swissboxing.ch.


Jack Schmidli, web Publisher e Membro della Commissione dei media

***

Jack Schmidli: Che professione fai? Hai famiglia?

Egzon Maliqaj: Sono un ingegnere meccanico qualificato e lavoro al 100% come project manager in una società di medie dimensioni a Zurigo, dove mi portano tra le altre cose di un piccolo team di ingegneri a Barcellona da Zurigo. Oltre al lavoro, sono sposato con la mia bellissima moglie, Ofelije, e abbiamo un grande figlio di nome Loris, che ha due anni e mezzo e diventerà il prossimo anno un fratello maggiore.

JS: Come sei entrato nella boxe e cosa ti affascina di questo sport?

EM: Sono arrivato alla boxe all'età di 16 anni grazie al mio sandabox (kickboxing cinese) dell'allenatore Rinaldo Di Lorenzo. Dato che pratico arti marziali dall'età di 9 anni e ho avuto successo nella boxe sanda, kickboxing e thai boxe, volevamo costantemente migliorare e così il mio allenatore di sandabox m 'ha portato il suo amico, Franz Studer, al corso di boxe alla scuola di boxe Gebenstorf. È così che è iniziato l'amore per la boxe. Nel corso del tempo gli allenamenti di sanda sono diventati sempre meno, ma gli allenamenti di boxe più spesso fino a quando non ero solo boxe. Ho visto la sfida più grande nel pugilato, perché puoi usare solo i pugni, ma per questo deve essere quasi perfetto.

JS: Quante volte e per quanto tempo ti alleni ogni settimana?

EM: Sono naturalmente una persona molto dura e non ho paura dello sforzo, ecco perché da dilettante mi sono allenato molto e duramente, a volte forse sovrallenato. Ora, come pugile professionista, ottengo dalla mia squadra (allenatore Toni Barbera, allenatore di boxe Pascal Stalder, preparatore atletico Harun Gülen) su di me e su piani di allenamento amichevoli di wrestling, che si dividono in diversi fasi. Nella fase preparatoria, svolgo da 6 a 9 sessioni di allenamento a settimana. Il che, oltre a un carico di lavoro al 100% e una famiglia con un bambino piccolo, richiede grande disciplina e molto talento organizzativo.

JS: Come qualificheresti il ​​tuo stile di boxe?

EM: Sono più il pugile attaccante che cerca la lotta ed è più spesso in marcia in avanti. È così che tratto gli avversari turno per turno e li costringo a adattarsi al mio stile di boxe. Quindi sono un avversario sgradevole per tutti.

JS: Quali punti di forza puoi giocare e su cosa hai bisogno per lavorare ancora di più?

EM: Dato che sono molto disciplinato per i combattimenti, passo sempre in una forma fisica e psicologica sul ring. Ho una buona condizione fisica, un duro colpo per la mia classe di peso e un'enorme voglia di vincere e molto cuore combattivo. La mia grande fiducia in me stesso mi aiuta anche a cercare la dura lotta sul ring. In questo momento, sono arrivato a un punto in cui non ha molto senso cercare di migliorare i deficit minori. Invece, ci concentriamo sui miei punti di forza nella preparazione.

JS: Hai obiettivi concreti? Cos'altro vuoi fare nella boxe?

EM: Prima di tutto, vorrei anche dimostrare nella boxe professionistica che attualmente sono il miglior pugile professionista del mondo per peso in Svizzera, perché ho dimostrato nel pugilato amatoriale nel corso degli anni (quattro titoli di campionato Svizzera tedesca e Ticino in peso welter fino a 69 kg). Dopo di che l'obiettivo è sicuramente quello di vincere titoli internazionali minori e issarmi tra i primi 40 al mondo. Per me ottenere richieste e opportunità, dimostrare in combattimenti più grandi e di fronte a un vasto pubblico. Oltre ai titoli, è sicuramente anche l'aspetto finanziario. Combattere con buoni stipendi, anche se non sono finanziariamente dipendente dalla boxe.

JS: Come giudichi la tua performance? Puoi continuare a boxare o essere al massimo della tua performance?

EM: Ai miei occhi tutti possono evolversi, ma a un certo punto il progresso si riduce. È così che posso evolvermi e sicuramente lo farò. Perché se confronto solo le foto del mio debutto professionale con gli ultimi combattimenti, c'è un'evoluzione fisica nelle foto. Per rispondere alla tua domanda, no, non sono ancora allo zenit della mia performance. Puoi guardare al mio futuro.

JS: Come hai affrontato la pandemia Corona in termini di allenamento?

EM: All'inizio è stato molto difficile per me quando un combattimento pianificato dopo l'altro è stato annullato per continuare a trovare la motivazione per continuare ad allenarmi in modo disciplinato e duro. Tuttavia, abbiamo dovuto tutti fare i conti con la pandemia di Corona e cercare di sfruttarla al meglio. È così che io e la mia squadra abbiamo adattato i piani di allenamento e ho continuato ad allenarmi. Possiamo dire di aver gestito molto bene l'allenamento in questo momento difficile.

JS: Hai modelli di ruolo nella boxe? E quali?

EM: Ci sono molti pugili sorprendenti e affascinanti nella storia della boxe come un "Canelo" Alvarez, Tyson Fury, Mike Tyson o Floyd Mayweather. Ai miei occhi, il più grande atleta di boxe era e rimane Muhammad Ali, non solo perché era un grande pugile sul ring, ma anche perché polarizzava fuori dal ring. Non conosco un altro pugile per il quale tanti fan di boxe si sono alzati alle quattro del mattino per vedere la lotta dal vivo.

JS: E un'ultima domanda: fai molto per la boxe. C'è ancora tempo per gli hobby? In caso affermativo, quali?

EM: Oltre all'allenamento di boxe, mi prendo il tempo libero per fare qualcosa con la mia meravigliosa famiglia, che mi ha sempre sostenuto sin dal primo giorno. A questo punto vorrei ringraziarli ancora per questo. Non ho altri grandi hobby, ma ora sono iscritto alla patente per la moto grossa (categoria A) e in un prossimo futuro ho o potrei passare qualche ora in più sulla moto ;-).

***
Grazie per l'interessante intuizione, caro Egzon. Ti auguriamo il meglio per il futuro, sia nello sport che nel tuo lavoro e nella tua famiglia. E attenzione: come la boxe, le moto non sono prive di pericoli.

D'autres photos

Sponsoren

Partner