Angelo Gallina rende visita a Freddie Roach

«Zurück

16.08.2022 11:31 Uhr
Angelo Gallina / JS (Traduzione: Franca Roncoroni)

È stato un momento molto speciale per me poter incontrare uno degli ultimi grandi allenatori nella storia della boxe a Los Angeles quest'estate. Dal 1995, Freddie Roach e Wild Card Gym su Santa Monica Blvd e Vine sono stati il ​​cuore e l'anima della boxe a Los Angeles. Come centro di formazione per oltre 50 campioni del mondo tra cui Miguel Cotto, James Toney, Oscar de la Hoya, Guillermo Rigondeaux, Mike Tyson, Julio Cesar Chavez, Virgil Hill e Wladimir Klitschko.

Con Manny Pacquaio, Freddie Roach aveva accompagnato e curato per decenni una star mondiale nella sua piccola palestra di boxe a Santa Monica vicino a Los Angeles e l'aveva portato sul tetto del mondo. Roach è classificato tra i dieci migliori allenatori di tutti i tempi. Ha imparato e ampliato la sua arte dal leggendario Eddie Futch. Ha lavorato lì per cinque anni come assistente senior. Quello che è successo dopo è storia: Roach è stato votato allenatore dell'anno sette volte ed è stato inserito nella International Boxing Hall of Fame nel 2012.

Meno noto è il fatto che ha anche allenato l'attore Mark Wahlberg per il film Fighter, il giocatore di basket Shaquille O'Neal e molti altri attori. Ha allestito la sua palestra Wild Card con l'attrezzatura per l'allenamento fornita dall'attore Mickey Rourke durante i loro allenamenti privati ​​nell'elegante Santa Monica.

Nella Wild Card Gym lavorano molti allenatori, spesso ex pugili, che offrono allenamenti individuali a pagamento e, tra le altre cose, spingono al limite anche i clienti facoltosi con un lavoro intensivo con i pad. Molte relazioni e dipinti adornano le pareti, ma anche molte fotografie d'arte e grafiche. Tutto è strutturato e in oltre 40 gradi di caldo le persone scalciano, saltano, soffrono e urlano. Anche il cane di Freddie è ancora lì, un piccolo Jack Russell nero anziano che ha camminato per la palestra e in qualche modo appartiene a lì. Ben posizionati anche alcuni cartelloni pubblicitari: “Non filmare e fotografare” o “Non allenare un pugile di un altro allenatore”, che in linea di principio riassume i valori e il rispetto necessari nella professione di pugilato.

Per cinque dollari al giorno puoi allenarti in palestra quasi senza restrizioni. Quattro pagine di regole e istruzioni Corona devono essere firmate in anticipo e infine viene misurata la temperatura. La palestra è gestita in modo intelligente dal suo agente Mery, che organizza con cura gli appuntamenti di Freddie e si assicura anche chi può parlare con lui o incontrarlo e chi no. Presente anche Stephan, ex pugile tai, svizzero del cantone di Svitto, da tempo sparring partner e che ora intende intraprendere la carriera di pugile professionista. Dirige la palestra quando Freddie è in viaggio di boxe.

Il mio incontro è stato di breve durata, anche perché contestualmente è stato organizzato un evento stampa, dove Tom Loeffler, un promotore di boxe americano, ha presentato una nuova serie di MMA boxe a Los Angeles nella parte privata della Wild Card Gym. Mi sono nascosto lì per scambiare alcune frasi con lui e trasmettere il mio apprezzamento. C'era poco tempo per parlare. "Svizzera" non è un concetto per lui e viaggiare in Europa non è un'opzione, almeno secondo il suo agente. "Deve prendersi cura dei suoi boxer, non può lasciarli soli", è stata la semplice spiegazione. Da non sottovalutare e ascoltare anche il suo morbo di Parkinson, scoppiato quasi dieci anni fa, ma anche la sua volontà coraggiosa e ininterrotta di dare tutto per i suoi boxer.

Sponsoren

Partner